PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO

COMBUSTIONE VERITCALE IN FUOCO CONTINUO A FIAMMA INVERSA

Il principio della combustione verticale con fuoco continuo a fi amma inversa è stato studiato per permettere alla stufa di bruciare il legno in verticale ottenendo la combustione di esso solo sul bracere posto in fondo alla stufa l’aria viene introdotta nella stufa grazie ad un sistema depressionario naturale SENZA L’USO DI VENTOLE O DI PARTI MECCANICHE IN MOVIMENTO. L’aria aspirata dall’alto viene portata in fondo alla stufa esattamente al centro del braciere attraverso un condotto munito alla sua estremità di una campana in ghisa per questo motivo l’aria si riscalda prima di arrivare ad alimentare la combustione. La combustione risulta così potente e duratura con questo sistema otteniamo quindi una combustione continua in quanto al termine della carica di legna il bracere continua a lungo la combustione di cenere consentendo di ricaricare la stufa senza procedere alla fase di accensione inoltre con questo sistema possiamo regolare in modo talmente preciso l’alimentazione della combustione ottenendo uno sfruttamento totale del legno ed ed un risparmio nei consumi. Grazie al sistema di funzionamento le stufe ribruciano la cenere prodotta lasciando solo il materiale inerme (silicio) che il legno contiene. Materiale compatto simile a polvere il cui volume è ridotto al minimo.

PER QUESTO MOTIVO NON OCCORRE TOGLIERE SEMPRE LA CENERE. LA STUFA PER FUNZIONARE CORRETTAMENTE DEVE AVERE LA CENERE ALMENO FINO AL LIVELLO DELLA GRIGLIA DI FONDO. A SECONDA DEL LEGNO USATO E DEL MODELLO RIMUOVERE LA CENERE MEDIAMENTE OGNI 20 - 40 GIORNI

SISTEMA DI COMBUSTIONE

avatar
La piastra superiore della stufa e’ munita di due placche di regolazione.la prima (sulla destra) e’ collegata ad un condotto di alimentazione e regola la combustione.mediante questa placca di regolazione possiamo regolare in maniera talmente precisa l’aria di alimentazione consentendo alla stufa lo sfruttamento totale del legno, una lunga autonomia, e la ricombustione della cenere. la seconda ( placca a sinistra) aumenta notevolmente l’entrata dell’aria nella stufa in maniera diretta.serve come starter per fare partire la stufa nella fase di accensione.ed aperta qualche minuto prima della fase di ricarica crea una forte depressione all’interno della stufa consentendo l’evacuazione dei fumi attraverso il condotto fumario impedendo la fuoriuscita di fumo nell’ambiente durante le operazioni di ricarica o di controllo. ricordiamo che la stufa ribrucia la cenere prodotta consentendo, a seconda del legno utilizzato, di toglierla ogni 20-40 giorni. occorre comunque lasciare la cenere all’interno almeno al livello di copertura della griglia di fondo. tutte le stufe son equipaggiate di griglia di fondo inghisa. questa divide ilceneraio dalla camera di combustione camera di combustione sulla griglia e' montata la camera di cobustione in ghisa vantaggi ottenuti con la combustione verticale a fiamma inversa

1) minor consumo la regolazione del tiraggio e’ talmente precisa che permette di risparmiare fino al 60% rispetto ad una stufa tradizionale
2) maggior potere calorico la combustione avviene direttamente sul braciere sovralimentata da aria calda risultando potente e duratura
3) calore costante
4) brucia di tutto grazie al sistema di combustione le stufe sono in grado di bruciare qualsiasi combustibile derivato dal legno, ribruciando la cenere prodotta .
5) non occorre togliere la cenere grazie al sistema di funzionamento le stufe ribruciano cenere durante la combustiione. lasciando come residuo solo il matriale inerme (silicio) che il legno contiene., matriale compatto simile a polvere il cui volume e’ ridotto al minimo per questo motivo non occorre togliere sempre la cenere. la stufa per funzionare correttamente deve avere la cenere almeno al livello della griglia di fondo. a seconda del legno usato rimuoverete la parte di matria inerme mediamente ogni 20-40 giorni.
6) lunga autonomia di carica a seconda del tipo di legno utilizzato e del modello di stufa si puo’ ottenere un autonomia a pieno carico che puo’ variare dalle 6 ore per i modelli piu’ piccoli alle 10 ore per i piu’ grandi...
7) facile accensione e regolazione grazie al sistema di combustione le stufe sono facilissime da accendere e semplicissime da gestire.
8) massima sicurezza il loro funzionamento garantisce gli standard di sicurezza
9) non sporca in casa queste stufe necessitano di pochissima manutenzione.il sistema di tiraggio usato correttamente impedisce al fumo di uscire dalla stufa durante le normali operazioni di carico o di controllo.la cenere si toglie solo ogni 20-30 giorni a seconda del legno utilizzato.
10) facilita’ di accensione l'accensione avviene in modo rapido e semplice bastano pochi minuti.

avatar

Contattaci

avatar Richiedi informazione

Accessori

Produciamo componenti in ghisa che in base alle specifiche caratteristiche del prodotto, possono essere adattati a varie tipologie di stufe a legna.

Vai alla pagina
avatar
Ciarnelli Daniele utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell’utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento